Oasi WWF, Riserva naturale del Lago di Burano

Capalbio

Capalbio

Marisma era il nome che gli Spagnoli avevano dato alla Maremma, quando la dominavano.

La parola Marisma significa “ terra con  prevalente presenza d’acqua” e così era la Maremma un tempo. L’immagine di quello che era il territorio ritorna alla mente visitando L’Oasi della Riserva Naturale del Lago di Burano.

L’Oasi gestita dal WWF dal 1980 è la più antica in Italia ed è stata la prima delle 100 OASI dell’Associazione. La Riserva del lago di Burano è un’  area di circa 410 ettari fra Ansedonia ed il Chiarone nel omune di Capalbio. 

Una volta la Riserva era territorio di caccia, oggi all’interno dell’Oasi si possono effettuare visite guidate nel sentiero Natura attrezzato di  capanni osservatori di  torri di avvistamento, o  percorsi natura a scopi  didattici anche per persone diversamente abili . Continua a leggere

Annunci

Turismo subacqueo in Maremma…ce ne parla un esperto!

sub

Sub pronti ad immergersi

Chi ha fatto almeno una volta il bagno nel mare della Maremma sarà rimasto sicuramente colpito dalla grande varietà di tipi di fondale che si trovano lungo le coste. Predominante è la tipologia sabbiosa ma sono presenti anche molte coste rocciose che, dal punto di vista naturalistico, sono senz’altro le più affascinanti.
A Sud della Maremma Toscana si trovano le coste rocciose più rinomate e più ambite dagli amanti del turismo subacqueo; parliamo ad esempio del Promontorio di Monte Argentario, di Talamone, delle Isole del Giglio e di Giannutri e di tante altre isolette considerate minori ma non certo per bellezza e ricchezza di specie presenti sotto il pelo dell’acqua.
Continua a leggere

Una giornata a Capalbio e dintorni

Capalbio

Capalbio

Capalbio è uno dei borghi più belli della Maremma Toscana. Si trova nella parte più meridionale della Maremma, confinante con il Lazio. Dall’alto della sua collina domina la campagna circostante.

Il borgo medievale di Capalbio è circondato da mura quattrocentesche, per entrare nel centro storico

passiamo dalla medievale Porta Senese e da qui alla piazza principale dove è ubicata la chiesa o meglio

la Pieve di San Nicola, chiesa in stile romantico che conserva affreschi del 400 e 500. Proseguendo

arriviamo alla Rocca Aldobrandesca. Qui,  con un pò di coraggio si può salire sulla torre. Possiamo

assicurarvi che una volta raggiunta la sommità, potrete ammirare paesaggi veramente mozzafiato!

Continua a leggere

Explore Maremma Walking Festival2014 e l’escursione all’Eremo di Poggio Conte

Camminando

Camminando

L’ Explore Maremma Walking Festival 2014  proposto dal Comune di  Manciano,  è iniziato il 20 settembre. Il programma prevede ben 9 giorni di escursioni organizzate per scoprire camminando la bellezza, le tradizioni, i sapori  della Maremma Toscana.

Per  tutte le informazioni : http://www.manciano.promozione.com

Unendoci al gruppo e condividendo il piacere di camminare e di scoprire, abbiamo visitato l’ Eremo di Poggio Conte, nella Maremma Tosco Laziale, a soli pochi Km. distanza dal paese di Manciano. Continua a leggere

Le botteghe degli artigiani nel borgo di Pitigliano

Pitigliano borgo

Pitigliano borgo

Settembre è un mese meraviglioso per scoprire i piccoli borghi della Maremma Toscana.
Una passeggiata nel centro storico di Pitigliano offre la visione di scorci indimenticabili.

Nel borgo medievale i stretti vicoli portano inaspettatamente a terrazze dalle quelli si gode la vista di panorami magnifici. Poi ancora gradini, loggette, stradine..dove ci si perde fra negozi, ristoranti e botteghe di artigianato.
Sono le “botteghe degli artigiani ” sopratutto a vivacizzare il centro storico del paese. Operosità, ingegno e vera competenza contraddistinguono la qualità dei lavori che ammiriamo nelle vetrine, camminando.

Continua a leggere

Il tesoro verde della Maremma

Sapete qual è uno dei tesori più preziosi della Maremma? E’ un vero oro verde.. sì, sto parlando proprio del bosco.

Seguitemi: scarponcini, occhi e orecchie aperti. Ci addentreremo nelle foreste e nelle macchie, alla scoperta delle specie arboree più diffuse in questa terra.

Ad accompagnare me e voi, sarà Riccardo Ferrari, perito agrario, esperto di alberi, treeclimber professionista e.. maremmano doc. Continua a leggere

A cavallo nelle Vie Cave Etrusche in Maremma

 

cavalloIl turismo equestre trova in tutta la Maremma, dalle città del tufo alla montagna fino alla costa, la sua giusta dimensione di eco sostenibilità.

In questa terra di Butteri e cavalli si possono attraversare luoghi incontaminati che profumano d’erba e di cespugli aromatici, dove vivono e proliferano animali indisturbati e protetti dall’uomo.
 “La passione per il cavallo permette di avvicinarsi alla natura, è il modo migliore per prenderci cura di noi stessi”, così rifletto mentre guardo la campagna assolata intorno al borgo di Sovana dove, un gruppo di cavalieri e di cavalli si prepara per uscire in passeggiata.
Nel centro del campo a terra sono già pronte le selle western comode per viaggiare, dal cucinotto organizzato in una tenda, già arriva l’odore del caffè. Fotografo i ragazzi/cavalieri che preparano i loro cavalli, li strigliano, li nutrono, li puliscono con attenzione.

E’ evidente la ricchezza del contatto fra l’uomo e l’animale, fatta di odori che si mischiano, e si fondono poi nelle carezze.

 

 

 

 

 

cavallo
Lasciamo il campo ed usciamo da Sovana per  attraversare campi e vigneti, diretti verso la Via Cava Etrusca di San Giuseppe che collega Pitigliano al Borgo di Sovana, Sorano.

 

cavallo nelle Vie Cave Etrusche

cavallo nelle Vie Cave Etrusche

 

via cava etrusca san giuseppe

via cava etrusca san giuseppe

 

Le vie Cave Etrusche sono vie interamente scavate nel tufo, sono dei corridoi ciclopici affascinanti e impervi. Cavalcare per queste vie è una magnifica esperienza!
La potenza dei cavalli in questi ambienti anomali diventa impressionante, sono animali veramente belli, sensibili, capiscono tutto al volo. Mi sorprende la loro tranquillità nell’affrontare un percorso complesso come la Via cava di San Giuseppe dove in alcuni punti i passaggi diventano stretti, scivolosi, definiti fra pareti di tufo alte circa 20 metri oscurate in alto da una fitta vegetazione.
In questo silenzio concentrato e attento mi accorgo che tutto il gruppo vive un’ esperienza intensa.

Qui ed ora noi uomini, la storia, gli animali e la natura scriviamo insieme una nuova trama.

 

cavallo nelle vie cave etrusche

cavallo nelle vie cave etrusche

 

Dalla Via Cava di San Giuseppe arriviamo fino alla Via Cava della Madonna delle Grazie in  prossimità della chiesa omonima, dove Pitigliano ci appare davanti con tutta la sua magia. I cavalieri proseguono il percorso e qui li saluto.

 

pitigliano a cavallo

pitigliano a cavallo

 

Andare a cavallo in tutto il territorio della Maremma è possibile, si può sperimentare l’emozione di vivere con gli animali, imparando e riscoprendo le loro regole e le nostre, quelle che abbiamo in parte dimenticato, ma sono le più antiche e le più istintive.

Andare a cavallo in Maremma non è solo praticare uno sport, è riattivare un contatto antico fatto di rispetto e collaborazione fra l’uomo e la natura, in un ambiente dove la natura è da sempre rispettata nella sua ricchezza. Un’ esperienza bellissima che merita di essere condivisa con i bambini, sopratutto quelli che, magari vivendo in città, non hanno mai accarezzato un cavallo.

 

cavallo