Turismo subacqueo in Maremma…ce ne parla un esperto!

sub

Sub pronti ad immergersi

Chi ha fatto almeno una volta il bagno nel mare della Maremma sarà rimasto sicuramente colpito dalla grande varietà di tipi di fondale che si trovano lungo le coste. Predominante è la tipologia sabbiosa ma sono presenti anche molte coste rocciose che, dal punto di vista naturalistico, sono senz’altro le più affascinanti.
A Sud della Maremma Toscana si trovano le coste rocciose più rinomate e più ambite dagli amanti del turismo subacqueo; parliamo ad esempio del Promontorio di Monte Argentario, di Talamone, delle Isole del Giglio e di Giannutri e di tante altre isolette considerate minori ma non certo per bellezza e ricchezza di specie presenti sotto il pelo dell’acqua.

Quando parliamo di turismo subacqueo non dobbiamo pensare solo ai sub che si immergono con muta e bombole, infatti basta una semplice maschera con un boccaglio per entrare in contatto con un mondo totalmente diverso dal nostro che può stupirci e meravigliarci anche solamente praticando snorkelling. Sinonimo di turismo subacqueo è “escursionismo naturalistico subacqueo” che sottointende il massimo rispetto per il nostro mare e le specie che lo abitano da parte di coloro che si immergono.

Abbiamo intervistato un maremmano doc che di turismo subacqueo se ne intende davvero: Alessandro Tommasi, noto fotografo e video-maker subacqueo, impegnato attivamente nella protezione del nostro mare e nella divulgazione scientifica nell’ambito della biologia ed ecologia marina del territorio maremmano e in particolare del Monte Argentario. È stato fondatore dell’Accademia Mare Ambiente, l’associazione che gestisce l’Acquario Mediterraneo dell’Argentario, nella quale attualmente ricopre la carica di vice-presidente.

sandro1

Alessandro Tommasi

Cosa ci puoi dire del turismo subacqueo in Maremma?
È senz’altro un’attività in espansione in tutto il territorio maremmano e soprattutto all’Argentario; qui un numero ormai importante di aziende si occupa direttamente di noleggio di imbarcazioni, di appoggio tecnico logistico alle immersioni e di corsi didattici per l’immersione. La cosa interessante è che la possibilità di praticare escursioni naturalistiche subacquee non è concentrata solamente nei mesi estivi ma anche in altri periodi dell’anno, compatibilmente con le condizioni meteo-marine.

Qual è la caratteristica dei fondali maremmani che colpisce di più il turista che si immerge per la prima volta nel nostro mare?
Senza dubbio i turisti rimangono colpiti dalla bellezza dei colori delle specie sessili presenti nei fondali rocciosi, come le splendide Gorgonie gialle e rosse, la moltitudine di specie di spugne che ricoprono gli scogli e le sgargianti margherite di mare.

gorgonie

Gorgonie gialle e rosse – Foto di A. Tommasi

A tuo parere qual è il punto di immersione che un turista deve assolutamente visitare?
Sicuramente l’isolotto dell’Argentarola a Monte Argentario, che da studi recenti è stato individuato come il sito a più alta biodiversità della nostra regione. I ripidi fondali sono ricchi non solo di fauna sessile variamente colorata, della quale accennavo prima, ma anche di tantissime specie ittiche, stanziali o di passaggio. Inoltre qui è presente una cavità carsica con stalattiti e stalagmiti che si sono formate durante le glaciazioni, quando il livello del mare era 100 metri al di sotto di quello attuale.

Un tuo sogno nel cassetto?
Che l’Argentarola diventi un’area dedicata esclusivamente all’escursionismo naturalistico subacqueo, una sorta di area gestita dove l’unico scopo sia quello di proteggere il mare e la sua biodiversità senza precludere l’accesso ai turisti che vogliano godere di uno spettacolo naturale così bello.

Ci lasci un regalo?
Certo! Il documentario che ho girato io stesso nei fondali dell’Argentarola, così i lettori potranno capire meglio di cosa sto parlando… a volte le immagini valgono più di mille parole!

Proprio vero Alessandro! Grazie per le belle immagini della Maremma che ci hai regalato!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...