Maremma: sulle tracce della leggenda della Pia dei Tolomei

La Pia de Tolomei, 1868-80 www.copia-di-arte.com

La Pia de Tolomei, 1868-80
http://www.copia-di-arte.com

“Tra le leggende della nostra Maremma, quella di Pia De’ Tolomei è senz’altro la più suggestiva e triste. La sua storia è tutta racchiusa in quei pochi celeberrimi versi di Dante nel V Canto del Purgatorio della Divina Commedia:

“ ‘Deh, quando tu sarai tornato al mondo,

e riposato della lunga via’,seguitò il terzo spirito al secondo,‘

Ricorditi di me che sono la Pia:

Siena mi fè; disfecemi Maremma:salsi colui

che ‘nannellata priarisposando m’avea con la sua gemma’ ”.

 

 

La nostra prima tappa del viaggio sulle tracce di Pia de’ Tolomei è nelle campagne gavorranesi, il Castel di Pietra, un castello che nell’antichità controllava i traffici di sale tra la zona di Massa Marittima e la pianura grossetana. Secondo la leggenda è proprio qui che si compie la tragica morte della Pia uccisa dal marito facendola cadere dalla finestra del maniero. La tradizione conferma l’episodio indicando come “Salto della Contessa” il dirupo sottostante al Castello, ancora oggi visibile e oggetto di scavi archeologici.

Oggi il Castel di Pietra fa parte dei siti di competenza del Parco tecnologico archeologico delle colline metallifere grossetane.

Continuando il nostro percorso arriviamo a Gavorrano, luogo della più famosa rievocazione storica di questa tragica vicenda. La rappresentazione teatrale avviene durante la sera e rappresenta il momento culminante e più suggestivo della rievocazione, quando la sfortunata Pia viene trascinata da due guardie verso la torre più alta di Gavorrano e dal lì gettata nel vuoto.

Leggi qui: (https://turismoinmaremma.wordpress.com/2014/07/31/gavorrano-e-la-leggenda-della-pia-de-tolomei/)

Il Salto della Contessa

Il Salto della Contessa

Prendendo in direzione Massa Marittima, andiamo a scoprire il piccolo paese di Prata, il Borgo della Pia di Dante. Secondo molti storici la Pia Dantesca potrebbe esser stata la Pia di Ranuccio di Filippo Malavolti, divenuta signora di Prata dopo il suo matrimonio con Tollo da Prata nel 1282 e scomparsa dopo l’uccisione del marito sul sagrato della chiesa del borgo il 30 settembre 1285. In estate è possibile ammirare per le vie del borgo la rievocazione storica della morte di Tollo.

Prata il borgo della Pia

Prata il borgo della Pia di Dante

Il nostro viaggio alla ricerca di testimonianze della Pia e della sua storia termina con la visita della splendida Massa Marittima. Secondo la tradizione, dopo l’uccisione della Pia, Nello di Inghiramo dei Pannocchieschi si sposò Margherita Aldobrandeschi dalla quale ebbe un figlio, Bindoccio, che morì fanciullo buttato nel pozzo di vicolo Porte a Massa Marittima per mano di sicari della famiglia Orsini.

Il pozzo

Il pozzo

400px-Massa_marittima

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...