Storia, tradizioni e un’emozione palpabile per il Palio di Castel del Piano

Castel del Piano, il Palio

Castel del Piano, il Palio

La Piazza è gremita, non c’è da stupirsi, sono le 18.00 dell’8 settembre; un’ondata di persone, pronta ad assistere al Palio delle contrade, si contende una posizione privilegiata per l’evento più importante del paese di Castel del Piano. Poi lo sparo e la partenza, una manciata di secondi che diventano un momento infinito, breve e intenso; l’ansia sale, scandita dagli zoccoli dei cavalli che battono la pista come locomotive che fan tremare il terreno.

Il tempo si ferma, qualsiasi cosa possa accadere, oltre l’evento, in quel momento perde d’importanza. Prevale l’stinto, il senso di condivisione di una vampata di emozione che si trasmette, come in un domino, in tutta la piazza, contagiando anche chi non è nato a Castel del Piano. L’atmosfera del Palio, se sei in quella piazza, ti invade, tuo malgrado.

 


Tagliato il traguardo, la tensione cala, sostituita dal fragore dei contradaioli vincitori che, fieri, inneggiano e mostrano il tanto bramato Palio delle contrade, dipinto, per il 2014, dal pittore Andrea Granchi.

Palio 2014, Castel del Piano, dipinto da Andrea Granchi

Palio 2014, Castel del Piano, dipinto da Andrea Granchi

Il Palio di Castel del Piano è un’emozione, un intero paese che, per giorni e giorni, festeggia; per chi vive a Castel del Piano, le contrade, ancora oggi, costituiscono un importante momento aggregativo per gli abitanti del paese. Una festa che non si esaurisce nella corsa, ma che ha un prima e un dopo. Quest’anno, la contrada che si godrà i festeggiamenti sarà la contrada del ‘Poggio’.

Palio 2014, Castel del Piano, vince la contrada 'Poggio'

Palio 2014, Castel del Piano, vince la contrada ‘Poggio’

La storia del Palio ha origini antiche, ben descritta nel sito del Comune di Castel del Piano:

‘Le attuali quattro Contrade, Borgo, Monumento, Poggio e Storte, corsero il primo Palio dell’era moderna l’8 settembre 1968. Nel 1990 è avvenuta la rifondazione del Palio, con l’introduzione di molte novità regolamentari e con l’aggiunta di un colore di listatura alle insegne di ogni Contrada, legato alla tradizione delle Compagnie laicali. Il Palio delle Contrade di Castel del Piano si disputa ogni anno l’8 settembre ed è preceduto dal corteo storico, che costituisce la rappresentazione allegorica degli avvenimenti  compresi tra il 1330 e il 1571′.

Le contrade di: Storte, Borgo, Poggio e Monumento. Castel del Piano.

Le contrade di: Storte, Borgo, Poggio e Monumento. Castel del Piano.

‘Il Palio delle Contrade di Castel del Piano nasce dalla tradizione plurisecolare di venerare la Madonna Santissima delle Grazie con solenni funzioni e con corse dei cavalli.
Il Palio ha origini molto antiche, risalenti alla ‘Fiera di Merci e Bestiame’ del 9 settembre 1402, concesso dalla Repubblica di Siena, che aveva conquistato il paese nel 1331, per mano del famoso Guidoriccio da Fogliano. L’illustre storico, accademico dei Georgofili, Ildebrando Imberciadori (1902-1995), ha ipotizzato che le prime corse, dette carriere, possano essere iniziate proprio in quel periodo, con sfide tra i mercanti e i barrocciai accorsi per la grande festa.

Dal 1431 con la leggenda legata alla SS. Madonna delle Grazie (pregevole opera su fondo oro attribuita al quattrocentista senese Sano di Pietro), diviene principalmente una festa religiosa. La leggenda radicata nella tradizione, vuole che questa immagine fosse venerata in una piccola cappella della campagna di Sorano, posseduto, in quei tempi, dai conti Aldobrandeschi di Santa Fiora. E fu appunto durante una delle frequenti guerre tra Siena e gli Aldobrandeschi, nel 1430, che quattro soldati di Castel del Piano, che combattevano a fianco di Siena, furono salvati grazie all’intervento della Vergine Maria. L’esercito senese era accampato nei pressi di Sorano e i quattro soldati, Vagheggini, Ricci, Donati e Arrighi, decisero di visitare la sacra effige. E fu proprio l’immagine della Madonna di fronte a cui essi si erano raccolti in preghiera, che li avvertì che i nemici erano vicini ed in gran numero e che avrebbero distrutto l’oratorio. I quattro, dunque, fuggirono per salvare la tavola e se stessi e, tornati a Castel del Piano, la deposero nella piccola cappella fuori delle Mura, davanti alla Porta Pianese.

Dagli ultimi studi la data di nascita del Palio delle Contrade di Castel del Piano può essere fatta risalire all’adunanza del 14 luglio 1765 della Deputazione della SS. Madonna delle Grazie. “Fu determinato farsi un Palio di valore circa quindici scudi da giuocarsi alla Corsa dei Cavalli quando potrà riuscire nelle Storte”. Ed infatti il Palio fu corso il 7 luglio 1771 in occasione dell’incoronamento della Santissima Madonna delle Grazie da parte del Granduca di Toscana Leopoldo di Lorena e fu vinto dalla Comunità di Montenero’.

La parte storica del testo è tratta da http://www.comune.casteldelpiano.gr.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...