Dove vive la memoria, alcuni musei dell’Amiata

Amiata

Amiata

Nel museo rivivono la storia, l’arte, le tradizioni, non è mai un luogo staccato dal contesto che lo contorna ma il suo naturale proseguimento.

Sull’Amiata, camminando nei borghi, ci si trova spesso in piccoli musei dove la storia prende vita, dove si entra in confidenza con oggetti del passato, nemmeno troppo lontano.
Il museo da un senso diverso al percorso che attraversiamo, racchiude in un unico luogo quello che fino ad un momento prima era lasciato anche all’immaginazione.

 

Alcuni musei che si trovano sull’Amiata, che fanno parte di ‘Sistema museale’:

Arcidosso, Centro studi Davide Lazzeretti:

Arcidosso

Arcidosso

Il Centro studi è dedicato alla figura di David Lazzaretti (1834-1878), il “profeta dell’Amiata”, che si proponeva come strumento di Dio per compiere una grande missione riformatrice. Si sviluppa Attraverso due specifiche sezioni: documentaria ed espositiva. Il Centro studi vuole dunque ricostruire quella vicenda con l’ausilio di fotografie, dipinti, vestiti, stendardi e di una vasta documentazione bibliografica ed archivistica prodotta dal movimento lazzarettista;
Castel del Piano, Raccolta d’arte Palazzo Nerucci:

Castel del Piano

Castel del Piano

Custodita in una sala al piano nobile di Palazzo Nerucci la raccolta è costituita da un nucleo di opere che giungono da un lascito di fine ‘800 della famiglia Vegni all’Ospedale di Casteldelpiano. Di provenienza privata, la raccolta si caratterizza per la sua natura fortemente collezionistica, presentando una significativa serie di paesaggi e vedute.
Santa Fiora, Museo delle Miniere:

Santa Fiora

Santa Fiora

Il museo è ospitato al piano terreno dell’antico palazzo Sforza-Cesarini. Il percorso espositivo si snoda su sei sale attraverso le quali è possibile ripercorrere l’attività mineraria e le vicende ad essa legate che fortemente hanno caratterizzato il Monte Amiata tra ’800 e ‘900, con particolare riferimento all’area che ricade tra i comuni di Santa Fiora e Castell’Azzara.
Cinigiano, Monticello Casa Museo:

Monticello

Monticello

La Casa Museo si trova nel centro storico del paese ed è ospitata all’interno di un antico palazzo i cui ambienti ricreano fedelmente un’abitazione della montagna amiatina di fine ottocento. Al piano d’ingresso si trova “il cuore della casa”, costituita dalla cucina e dalla camera allestite con arredi autentici e suppellettili di uso quotidiano.
Roccalbegna, Museo della Focarazza:

Roccalbegna

Roccalbegna

La raccolta etnografica di Santa Caterina è ospitata nei locali di una ex-fucina di fabbro ferraio. Il museo documenta il lavoro, le tradizioni e le ritualità legate al fuoco e all’albero nel Monte Amiata.
Castell’Azzara, i musei: Miniere del Cornacchino, Rocca Silvana, Villa Sforzesca

Villa Sforzesca Castell'Azzara

Villa Sforzesca Castell’Azzara

Villa Sforzesca, è una villa di fine 1400, stile Gotico Rinascimentale. Dalla Via Franchigena, superando il fiume Paglia, si accede all’Amiata risalendo le pendici dei monti di Castell’Azzara. La porta d’accesso è l’imponente Sforzesca, una villa signorile fatta edificare dal Cardinale Alessandro Sforza (1580) che ospitò Papa Gregorio XIII° e la sua corte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...