‘Arte a Parte’ Il giardino di Piero sull’Amiata

Giardino Arte a Parte

Giardino Arte a Parte

 

L’entrata è dal cancello dell’ufficio postale del paese ma, affacciandosi sul retro, si scorge una terrazza naturale che domina la vallata.

Di rimpetto c’è l’Amiata che sovrasta i paesi d’intorno siamo al giardino Arte a Parte di Piero Bonacina nella frazione di Montegiovi, il giardino fa parte del Sistema Museale Amiata.

Addentrandosi nel giardino saltano all’occhio oggetti che si amalgamano armonicamente agli spazi intorno come se emergessero naturalmente dal suolo.

 

 

 
Sono le storie che Piero racconta attraverso le sue opere realizzate con il legno, il cemento ed il fil di ferro. La sua è una passione che ha coltivato interamente da autodidatta. Materiali riciclati che vengono assemblati, cerchi concentrici che rappresentano esseri viventi. Per lo più sono figure umane fissate in un attimo in movimento, sarà questo che toglie la staticità a tutto il resto; un insieme di opere d’arte a cielo aperto che consentono un percorso fatto di personaggi e di storie, reali ed inverosimili: figure umane ricavate dai resti di una motocicletta, la fortuna raffigurata da due personaggi interamente realizzati con ferri di cavallo, fino a toccare i grandi temi che accompagnano l’uomo, l’arrivismo oppure la collaborazione, oppure le grandi migrazioni dei popoli extracomunitari e pianoforti scomposti per diventare altro.

Giardino Arte a Parte

Giardino Arte a Parte

Insieme al valore artistico c’è sicuramente quello del gioco e della scoperta, come una mostra allestita in maniera inusuale, dove le singole opere d’arte si uniscono in una gradevole passeggiata dove è il tutto che diventa un’unica opera d’arte.
Non ama definirsi ‘artista’, piuttosto artigiano, al pari del contadino o del fornaio, perché secondo lui ‘chiunque faccia un lavoro con dedizione e passione può definirsi artista’.

Giardino Arte a Parte

Giardino Arte a Parte

Piero in quel fazzoletto di mondo sta realizzando un sogno a cui viene riconosciuto un valore anche istituzionale. Il giardino Arte a parte consta di alcune stanze per l’esposizione ed un laboratorio dove Piero conserva lo scalpello con cui trent’anni fa ha iniziato questo mestiere. Un oggetto con cui si intagliano le tavole xilografiche che gli ha consentito di trasformare la sua fantasia in oggetti multiformi. Da quel momento è stato un fedele compagno di lavoro.

Giardino Arte a Parte

Giardino Arte a Parte

Il primo approccio con l’arte l’ha avuto nel 1986 ad una biennale nel casentino dove, come accade alla gran parte degli artisti, le sue opere furono scartate. Insieme ad un gruppo di persone decise di allestire uno spazio nella piazza del paese. Da quel momento ha capito che sarebbe stato contro la sua natura entrare nel mondo del ‘marketing’ preferendo non mercificare le sue opere ma creare in libertà, anche se questo ha comportato e comporta dei sacrifici. Sarà per questo che ha scelto l’Amiata per creare, lontano da occhi indiscreti e se il suo arrivo è stato fortuito, non lo è sicuramente la motivazione per cui da quindici anni si prende cura della sede che gli è stata attribuita. A farlo avvicinare a questo territorio, circa venti anni fa, è stata la Comunità di Merigar, da quel momento lo ha fatto suo perchè si è sentito come a casa e, nonostante le sue origini lombarde, si è ben inserito nella realtà sociale.

Giardino Arte a Parte

Giardino Arte a Parte

Scelta o coincidenza? Pare che il destino lo abbia indirizzato perché, proprio la sera in cui aveva deciso di partire di nuovo, per chissà quale meta, gli hanno offerto ospitalità, quell’ospitalità che lui ha colto come un segno per rimanere.
Per Piero la disoccupazione ed i momenti difficili sono diventati gli spunti di cui ha fatto tesoro per sfruttare le sue capacità accompagnato dalle idee che lui definisce ‘l’anima vitale’. Spesso nella chiacchierata si è paragonato ad un musicista e lui compone nel suo spartito che è il giardino e crea una musica che abbraccia il panorama ed il territorio circostante.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...