Poesia Estemporanea a Pomonte – Scansano

Il palco della manifestazione

Il palco della manifestazione

Oggi parliamo di tradizione contadina e di poesia, e per farlo andiamo nel comune di Scansano, nella piccola frazione di Pomonte, dove ogni anno, dal 1998, artisti da ogni parte del mondo si riunisco accomunati dalla passione per il Canto Estemporaneo.

L’idea della manifestazione nasce nel 1998, quando si costituisce proprio a Pomonte la LIPE, Lega Italiana Poesia Estemporanea il cui scopo è la divulgazione, valorizzazione e riqualificazione di questa arte canora.

Già il poeta Orazio nel VI a.C. descrive i tratti di questa antica arte che vede contadini con il volto coperto con la scorza di un albero, recitare “Versibus alternis” in un’atmosfera festosa, rilassante ed allegra; lo scambio di frasi in rima, idilliache o umoristiche che siano, crea, nella semplicità del canto, l’armonia dei versi che si perdono e confondono nei dolci declivi del paesaggio collinare maremmano.

Il clima è quello della festa popolare, con l’esposizione di macchine agricole ed antichi strumenti di utilizzo quotidiano.

Trattore a manovella

Trattore a manovella

La sagra che accompagna la manifestazione offre i piatti tipici della tradizione contadina accompagnata dal buon vino locale, il Morellino di Scansano. Dopo aver ben mangiato (consigliamo i pici alla boscaiola ed il brasato di manzo) e ben bevuto, ci sediamo ad ascoltare i poeti locali, contadini che per diletto, dopo il duro lavoro nei campi, si aggregano e si rilassano a suon di stornelli.

Sul palco, semplicemente adorno, salgono i vari artisti che iniziano a recitare improvvisando.

Un artista durante la sua esibizione

Un artista durante la sua esibizione

L’ottava rima toscana è la metrica poetica più utilizzata e segue lo schema ABABABCC.

Un esempio:

 

Per i vigneti e per il vasto prato

Ogni leggero fugge via

Mentre un raggi di sole sul palco si è fermato

Offrendo ai versi luce ed armonia;

Nel bagaglio che ognuno ha preparato,

Tradizione, passione e fantasia

Entrano dentro, ma ritorneranno

POMONTE aspetta tutti il prossimo anno.

 

A pomonte poesia estemporanea

A pomonte poesia estemporanea

Il canto improvvisato è tipico delle più importanti tradizioni contadine maremmane, quali il canto della befana e il canto del maggio!

Buon canto a tutti!

 

Testo e improvvisazione poetica tratto dal documentario di Alessio Fattori “Pomonte Poeti Improvvisatori”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...