Il MAPS ed il padule di Scarlino

Portus ScabrisChe la Maremma sia stato un luogo paludoso e quindi ad oggi ricco di storia, oramai è risaputo.

Oggi parliamo di Scarlino, del suo antico porto e le sue padule.

In tanti documenti antichi si nomina Portus Scabris e dei suoi importanti commerci, ma solo di recente si è capito dove fosse localizzato.

Nel 2000 e 2001, grazie ai lavori per l’attuale Marina di Scarlino, sono stati ritrovai tantissimi oggetti provenienti da paesi ed epoche diverse.

Questo conferma che Portus Scabris era proprio nella rada di Portiglioni a Scarlino.

In epoca romana infatti, questa zona era salubre ed un importante porto commerciale (vino, olio, salsa di pesce, grano e sale) e siderurgico (per l’ematite proveniente dall’isola d’Elba), tanto da essere chiamato Portus.

Con il passare dei secoli però, la situazione è andata peggiorando: il porto ha perso importanza, gli abitanti si spostarono sulle colline a causa della malaria ed a causa dei detriti l’area si è piano piano prosciugata.

I ritrovamenti degli scavi per la Marina, sono esposti al MAPS, il Museo Archeologico Portus Scabris, allestito nel vecchio casello idraulico realizzato nel 1905.

MAPS

Il MAPS testimonia la bellezza e l’importanza di questi oggetti (purtroppo giunti a noi non intatti, in quanto le navi scaricavano in porto gli oggetti rotti per alleggerirsi), confermando che Portus Scabirs era un importante snodo commerciale in epoca romana.

I ritrovamenti infatti provengono da Tunisia, Rodi, Libia, costa adriatica, Empoli, Egitto, Spagna e Gallia.

Mix Reperti MAPS

Mix Reperti MAPS – clicca per ingrandire

Il MAPS, allestito fra il 2009 e il 2010,ripercorre la storia del porto, offre una visione particolare del Padule e mostra il lavoro svolto dagli archeologi subacquei con la sorbona (una specie di aspirapolvere sottomarino).

In tale le sale del Museo sono 6 suddivise in 2 piani. Le prime tre sale situate al piano terra illustrano la storia dell’antico porto scomparso del Puntone.

Padule di Scarlino

Padule di Scarlino

Al piano superiore, inaugurato successivamente alla prima apertura del museo, sono situate le altre due sale espositive ed una saletta video che proietta un documentario sugli scavi subacquei condotti tra il 2000 e il 2001 durante la costruzione del moderno porto turistico.

Proprio accanto al MAPS si sviluppa il Padule di Scarlino, ovvero quello che resta del vecchio Portus Scabris: 130 ettari di oasi per la protezione faunistica.

E’ possibile passeggiare nel padule grazie a passerelle di legno ed è come tornare nella Maremma dell’800, prima della bonifica.

Padule Scarlino

Il Padule si trova lungo le rotte di migrazione degli uccelli e costituisce per questi animali il luogo ideale di sosta e nidificazione

Gli orari del MAPS:

  • fino a Giugno – Festivi, sabato e domenica dalle 10 – 13 e 15 – 18
  • da Luglio a Settembre tutti i giorni escluso il lunedì, con orario 10 – 13 e 16 – 19

Per informazioni:

Dopo la visita al MAPS ti suggerisco di andare dagli asinelli di Asiniamo, che sono proprio lì vicini!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...