Il Museo di Preistoria e Protostoria della Valle del Fiora a Manciano

Palazzo Nardelli

Palazzo Nardelli

Il Museo di Presitoria e Protostoria a Manciano possiede un fascino particolare, un mix fra antico e moderno. Inaugurato nel 1985, fu il primo museo tematico del territorio. Il Museo è situato all’interno del Palazzo Nardelli costruito nel  1848 accanto al cassero senese. Un edificio spropositato lò definì Alfio Cavoli.  Il condominio poi diviso e venduto, è rimasto uguale nel tempo ed oggi ospita famiglie. Nella bellissima casa che fu di proprietà del medico condotto di  Manciano, è stato collocato il primo Museo Tematico nel territorio.

Foto opera Paride Pascucci

Foto opera Paride Pascucci

Sulla parete all’ ingresso sono appese fotografie delle opere dei pittori mancianesi, Pietro Aldi (1852) e Paride Pascucci (1866).

Il  percorso tematico delle sale inizia con una sala didattica e prosegue ricostruendo la ricerca preistorica e protostoica del territorio della Valle del Fiora attraverso sezioni cronologiche che vanno dal primo periodo della Preistoria al Paleolitico, al Neolitico. La sezione del’età del Rame è la civiltà del Rinaldone, per arrivare fino all’età del Bronzo.

anfore

anfore

Nelle sale sono illustrate le caratteristiche storico ambientali della Valle del Fiora con pannelli esplicativi che usano volutamente un linguaggio semplice e poco accademico.  Dalle testimonianze del Periodo Paleolitico medio e superiore provenienti sopratutto dal Monte Amiata, la sala succesiva ci introduce al Neolitoco con le prime ceramiche, frecce e pietre lavorate provenienti da Pitigliano e da Manciano.

Il percorso continua fino all’età del Rame  con la civiltà del Rinaldone. I referti sono corredi funebri e i vasi a fiasco.

scarceta

scarceta

Nell’età de bronzo troviamo numerosi frammenti di ceramiche e  corredi delle tombe. L’ultima sala è dedicata ai reperti rinvenuti dallo scavo del villaggio di Scarceta scoperto da una bambina di 12 anni Valeriana Monaci nel 1959. Scarceta è un pianoro di travertino di circa sei ettari, fra Toscana e Lazio,  dove nel 1970 furono fatte sei campagne di scavo che portarono alla luce quarantuno strutture, molte delle quali capanne. Furono trovati chiodi, anelli, frammenti di ceramica.

Abbiamo chiesto ad Irene Belli che lavora nel Museo di Manciano, perchè vale la pena visitarlo!

English Version

The Museum of Prehistory and Early History in Manciano has a special charm, a mix of old and modern.        It was opened in 1985 and it was the first thematic museum in the area. The Museum is located inside Palazzo Nardelli built in 1848 next to the Sienese Fortress (Cassero Senese).

On the the entrance walls  there are some photographs of the works of Manciano painters Pietro Aldi (born 1852) and Paride Pascucci ( born1866) .

The museum visit begins with information on the Fiora Valley. There are some displays showing the area from the Paleolithic to the Final Bronze era, beginning with the remains of the early inhabitants of Fiora Valley dating back half a million years followed by  remains from the Middle and Higher Paleolithic eras. Materials found during excavations of Scarceta (Manciano) where fragments of Micean ceramics were found, the”cupboard”of bronzes of Montemerano, axes from the Amiata and Sovana areas and ceramic fragments from various parts of the the valley.

The halls illustrate the Fiora Valley with panels that use a deliberately simple language. The next room introduces us to Neolithic age with the first pottery, carved stones and arrows from Pitigliano and Manciano .

In the bronze age section there are numerous fragments of pottery found in tombs. In the last room there are finds from excavations made in the village of Scarceta discovered by a 12 year old girl called Valeria Monaci in 1959. Scarceta is a travertine plain of about six hectares, between Tuscany and Lazio, in the ’70 diggings unearthed forty-one structures many of them were huts. Nails, rings, fragments of pottery were found.

More info on

http://www.museidimaremma.it/en/museo.asp?keymuseo=29

Annunci

3 pensieri su “Il Museo di Preistoria e Protostoria della Valle del Fiora a Manciano

    • Ringrazio te, Irene per la disponibilità, la pazienza che hai avuto con me, e tutta la passione che hai trasmesso .

  1. Pingback: Cosa fare in Maremma quando piove: 10 suggerimenti per tutti i gusti. | Turismo in Maremma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...