La strada della castagna, un sapore antico al passo con i tempi.

Un percorso nel castagneto

Un percorso nel castagneto

L’Amiata è una  terra evocativa, un cono vulcanico, la cui base è caratterizzata dall’avvicendarsi di paesi medievali intervallati da boschi simili a regali giardini. Esibiscono forme perfette,  i boschi, quasi fossero pensati da un architetto, un architetto sui generis che non ha fatto scuole, ma che a tutti può  insegnare: la natura; è proprio la natura che ci regala  scenari suggestivi, di  luoghi che  in ogni momento dell’anno, ad ogni ora del giorno,  ci catturano con i colori, le forme e i movimenti impercettibili.

Gli alberi, dalle fronde verdi nei mesi tiepidi e brucianti di sole, si  spogliano nei mesi freddi e, i loro rami, protesi verso l’alto, tracciano inaspettate linee nel cielo.

Inverno sull'Amiata, i castagni

Inverno sull’Amiata, i castagni

Strade  che segnano il percorso fra monumenti naturali: per  molti è un cammino che sottende un lavoro, per altri, semplicemente diletto dei sensi. Un piccolo viaggio che nutre  l’ascolto, quando dalle foglie si intravedono ricci verdi dalle spine ancora tenere. E si attende il periodo dell’anno, quello  in cui l’estate lascia il posto  all’inverno; è allora che i ricci, maturi, si dischiudono cadendo a terra  in picchiata.  E’ qui che l’uomo interviene e si appropria dei frutti più prelibati dell’autunno: le castagne. Nel bosco, con l’arrivo del gelido inverno le foglie tornano alla terra e i castagni risposano lasciando in attesa di qualcosa che rinasce e si prepara: il bosco vive in ogni momento dell’anno.

Il castagneto

Il castagneto

Il prodotto per eccellenza che contraddistingue il Monte Amiata, dunque,  è sicuramente la castagna. Per questo ci sono feste ad essa dedicate, in un periodo dell’anno, quello di ottobre, in cui non si parla d’altro. Nel corso del tempo, fino ai giorni nostri, anche l’utilizzo della castagna sta trovando innovative collocazioni , non si snatura il suo valore anzi, lo si esalta per goderne del sapore in ogni momento dell’anno.

La castagna, un tempo fonte primaria di sostentamento, torna ad essere valorizzata, per questo esiste l’’Associazione per la valorizzazione della castagna del Monte Amiata IGP‘ con sede ad Arcidosso, il cui presidente è Lorenzo Fazzi. Oltre all’attività ordinaria a tutela, manutenzione e valorizzazione del castagno, il presidente parla di ‘progetti innovativi che evidenzino l’uso enogastronomico della castagna’, nelle sue lavorazioni e ‘molteplici utilizzi culinari –spiega Fazzi-in particolar modo le marmellate e i dolci, nonché ricette originali come ad esempio il gelato di castagne’. Fazzi sottolinea anche le ‘proprietà nutrizionali,  una delle quali è dovuta al fatto che la farina di castagne è una farina senza glutine, da cui si ricava un ottimo pane’.

Lorenzo Fazzi, presidente dell'Associazione per la valorizzazione della castagna del Monte Amiata IGP

Lorenzo Fazzi, presidente dell’Associazione per la valorizzazione della castagna del Monte Amiata IGP

Nei suoi molteplici impieghi, ce ne è uno fortemente originale, la birra di castagne, sfizioso, goloso e originale prodotto. Ad Arcidosso si trova un’azienda che ne produce una buona quantità, il Birrificio Amiata. La birra che più si lega a questo prodotto è la ‘Bastarda rossa’ che prende il nome dalla castagna tipica di queste zone. Un’azienda che inizia  a dar lavoro ad alcune persone, che con questo prodotto artigianale ha vinto, nel 2010, un premio a Strasburgo. In Italia, non sono molti i produttori di birra di castagne e l’Amiata può vantare il fatto che, in una miscellanea di  originalità e prodotti del territorio, un’idea firmata da ‘arcidossini’ doc, se ne ricava un prodotto autentico, autoctono a tutti gli effetti che consente di portare un po’ di Amiata in giro per il mondo. E’ il caso di dire ‘una terra da degustare’!

Birra di castagne 'Bastarda rossa'

Birra di castagne ‘Bastarda rossa’

Annunci

Un pensiero su “La strada della castagna, un sapore antico al passo con i tempi.

  1. Pingback: Cinque street food dalla Maremma | Turismo in Maremma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...