Il Parco Regionale della Maremma tra storia e natura

Parco Regionale della Maremma

La spiaggia di Marina di Alberese nel Parco Regionale della Maremma

Nel cuore della Provincia di Grosseto sorge una delle aree protette più importanti della regione Toscana: il Parco Regionale della Maremma.

Conosciuto anche come Parco dell’Uccellina, dal nome delle colline che ospita, il parco racchiude in sé l’essenza della Maremma Toscana.

Paesaggi di rara bellezza e ambienti un tempo comuni nella pianura grossetana, sono il punto di forza di questo parco, che ospita inoltre moltissime specie di animali selvatici.

Il cinghiale è considerato il re di questi fitti boschi di macchia mediterranea, tant’è vero che è stato scelto proprio come simbolo per rappresentare il Parco.

Nelle verdi praterie, soprattutto all’alba ed al tramonto, è possibile osservare gruppi di daini e di caprioli brucare placidamente l’erbetta fresca. Lungo le spiagge sabbiose dominano le specie vegetali tipiche della duna, tra le quali il raro e protetto Giglio marino.

Giglio marino in Maremma

Giglio marino in Maremma

All’interno del Parco, gli appassionati di birdwatching possono ammirare, presso la foce del fiume Ombrone, moltissime specie di uccelli acquatici, tra le quali il bellissimo falco pescatore, tornato a nidificare in maremma dopo 42 anni di assenza, grazie proprio ad un progetto di re-introduzione portato avanti dall’Ente Parco.

L’Azienda Agricola Regionale dell’Alberese all’interno del parco porta avanti l’antica tradizione, ormai scomparsa altrove, dell’allevamento allo stato brado delle vacche maremmane, grazie all’utilizzo del buttero, mandriano che, in sella al suo fedele compagno di lavoro, il cavallo maremmano, riesce a condurre le mandrie verso i pascoli più verdi.

vacche maremmane

Vacche maremmane nel Parco Regionale della Maremma

Ma la bellezza del Parco della Maremma non è solo biodiversità e tradizione, è anche storia; trovano infatti posto al suo interno numerose strutture architettoniche, costruite tra l’XI e XV secolo, quali le torri di avvistamento costiero e il bellissimo monastero di San Rabano, eccezionale esempio di romanico in Maremma.

Monastero di San Rabano

Monastero di San Rabano

A piedi, in bicicletta, in canoa, in carrozza o a cavallo, il Parco è visitabile tutto l’anno grazie alla rete sentieristica accessibile da Alberese e da Talamone. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito: www.parco-maremma.it

Parco Regionale della Maremma

Parco Regionale della Maremma

Annunci

8 pensieri su “Il Parco Regionale della Maremma tra storia e natura

  1. Pingback: Le torri di avvistamento costiere in maremma | Turismo in Maremma
  2. Pingback: La giornata delle zone umide | Turismo in Maremma
  3. Pingback: Il monastero di San Rabano | Turismo in Maremma
  4. Pingback: A Talamone: l’Acquario della Laguna di Orbetello | Turismo in Maremma
  5. Pingback: Grosseto e le sue spiagge accessibili | Turismo in Maremma
  6. Pingback: Il Parco della maremma in estate! | Turismo in Maremma
  7. Pingback: In Maremma torna FestAmbiente | Turismo in Maremma
  8. Pingback: Il Museo di Storia Naturale di Grosseto | Turismo in Maremma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...